XI KANT KONGRESS, XI Congresso Kantiano Internazionale

A chi è rivolta la filosofia in senso cosmopolitico?

Antonio Carrano

Edificio: Palazzo dei Congressi
Sala: sala Newton
Data: 24 maggio 2010 - 14:30
Ultima modifica: 13 aprile 2010

Abstract

La distinzione tra i tra due concetti di filosofia – l’uno scolastico e l’altro cosmico o cosmopolitico – segnala nella sua radicalità la fondamentale tensione che percorre il pensiero di Kant: volto non solo a stabilire un più saldo rapporto tra il concetto di filosofia e quello di scienza ma anche ad am-modernare il concetto di saggezza, rinvenendo il «suo proprio modo di esistenza in seno alla filoso-fia della storia» (T.W. Adorno). Nell’”Architettonica della ragion pura”, come pure nelle lezioni di Logica, egli ha evidenziato la necessità di tale distinzione in ragione dei vuoti che la riflessione cri-tica deve colmare: rispettivamente, quello di un compiuto sapere filosofico, rinvenibile nella metafi-sica innalzata al rango di scienza, e quello della consapevolezza del bisogno della ragione che si collega ad una più elevata identità dell’uomo. In entrambi i casi, si tratta di qualcosa di non ancora acquisito e di acquisibile in futuro, in rapporto al quale si misura l’impegno di Kant: vuoi rispetto al progetto d’elaborazione del campo della filosofia pura, quale si articola nelle tre questioni fonda-mentali (in successione: che cosa posso sapere? che cosa debbo fare? che cosa mi è lecito sperare?), vuoi rispetto al programma di emancipazione dell’uomo, quale si esprime nella «massima di pensa-re in ogni circostanza da se stesso» (Ak, VIII, 146 nota), in cui è da cogliere il succo dell’atteggiamento illuministico. Un impegno che suppone pertanto diversi destinatari, ma non detta rigidi criteri di esclusione, posto che non nega che l’«artista della ragione», chiunque egli sia, «il matematico, lo scienziato, il logico», possa essere nel contempo il «legislatore» della medesima (B867). E soprattutto mira ad allargare la cerchia di quanti hanno a cuore il problema del compi-mento del progredire umano nella storia.